Enable JavaScript to visit this website.
Azione Prevenzione

Encefalite da zecche

COME SI TRASMETTE
COME SI TRASMETTE

Il virus della encefalite da zecca si trasmette all’uomo tramite il morso di zecche infette, mentre si praticano attività all’aria aperta, principalmente nel periodo compreso fra aprile e novembre quando l’attività delle zecche è massima; anche se sono stati segnalati rari casi nella stagione fredda.

Le zecche si possono trovare negli habitat boschivi e nelle zone di passaggio tra foreste e prati. Se infette, possono trasmettere il virus per tutta la loro vita.

L'uomo, inoltre,  può essere contagiato anche con il consumo di prodotti caseari non pastorizzati infetti1-3.


Referenze

[1] Ministero della salute, Malattie trasmesse da vettori, Encefalite da zecche. Disponibile al sito: http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?lingua=italiano&id=242&area=Malattie_trasmesse_da_vettori [ultimo accesso 15 dicembre 2016]
[2] ECDC ( European Centre for disease control): Factsheet for healthcare professionals. Disponibile al sito: http://ecdc.europa.eu/en/healthtopics/emerging_and_vector-borne_diseases/tick_borne_diseases/tick_borne_encephalitis/basic_facts/Pages/factsheet-health-professionals.aspx [ultimo accesso 15 dicembre 2016]
[3] Vaccinarsi, Malattie prevenibili Encefalite da morso di zecca (TBE). disponibile al sito: http://www.vaccinarsi.org/malattie-prevenibili/encefalite-tbe.html [ultimo accesso 15 dicembre 2016]

 

PP-VAC-ITA-0031 v2.0

CHE COS'È L'ENCEFALITE DA ZECCA
CHE COS'È L'ENCEFALITE DA ZECCA
COS'È L'ENCEFALITE DA ZECCA

L‘encefalite da zecca (TBE) è una delle più gravi malattie neurologiche trasmessa dal morso di zecca.
È un’infezione virale che colpisce il Sistema Nervoso Centrale e può comportare gravi problematiche neurologiche a lungo termine e, in alcuni casi, anche la morte.

Negli ultimi 30 anni, il numero di casi umani di TBE in tutte le regioni europee in cui la malattia è diffusa, è aumentato di quasi il 400%; le aree a rischio si sono ampliate e sono stati scoperti nuovi focolai1-3.

 

Referenze

[1] Ministero della salute, Malattie trasmesse da vettori, Encefalite da zecche. Disponibile al sito: http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?lingua=italiano&id=242&area=Malattie_trasmesse_da_vettori [ultimo accesso 15 dicembre 2016]
[2] ECDC ( European Centre for disease control): Factsheet for healthcare professionals. Disponibile al sito: http://ecdc.europa.eu/en/healthtopics/emerging_and_vector-borne_diseases/tick_borne_diseases/tick_borne_encephalitis/basic_facts/Pages/factsheet-health-professionals.aspx [ultimo accesso 15 dicembre 2016]
[3] Vaccinarsi, Malattie prevenibili Encefalite da morso di zecca (TBE). disponibile al sito: http://www.vaccinarsi.org/malattie-prevenibili/encefalite-tbe.html [ultimo accesso 15 dicembre 2016]

 

PP-VAC-ITA-0031 v2.0

Consulta il Glossario
Gray circles
GLOSSARIO

Meningite: grave infiammazione delle membrane (meningi) che rivestono il cervello, che normalmente lo proteggono e lo tengono fisicamente separato da tutte le altre strutture del cranio

Sepsi: grave infezione causata dalla presenza del batterio nel sangue

Otite media acuta: infiammazione dell’orecchio medio, molto frequente in età pediatrica

Polmonite: infiammazione dei polmoni che ostacola la normale funzione respiratoria



PP-VAC-ITA-0026 v2.0

CHI È A RISCHIO
CHI È A RISCHIO
CHI È A RISCHIO?

Nelle zone dove le zecche infette sono diffuse, le persone che soggiornano o svolgono attività ricreative e occupazionali all’aperto (come fare pic-nic, andare a caccia, a pesca, a funghi o a raccogliere i frutti di bosco, campeggiare, fare escursioni, praticare attività forestali, essere addetti all’agricoltura) potrebbero essere a rischio di infezione se morse da zecche infette.

Lo stesso vale per i turisti che si recano nelle aree endemiche1,2.

Referenze

[1] Ministero della salute, Malattie trasmesse da vettori, Encefalite da zecche. Disponibile al sito: http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?lingua=italiano&id=242&area=Malattie_trasmesse_da_vettori [ultimo accesso 15 dicembre 2016]
[2] ECDC ( European Centre for disease control): Factsheet for healthcare professionals. Disponibile al sito: http://ecdc.europa.eu/en/healthtopics/emerging_and_vector-borne_diseases/tick_borne_diseases/tick_borne_encephalitis/basic_facts/Pages/factsheet-health-professionals.aspx [ultimo accesso 15 dicembre 2016]

 

PP-VAC-ITA-0031 v2.0

QUALI SONO I SINTOMI
QUALI SONO I SINTOMI
QUALI SONO I SINTOMI

La malattia può colpire sia adulti che bambini, con manifestazioni molto variabili.
Nel 70% dei casi l’infezione è asintomatica. In un altro 30% dei casi la malattia si presenta generalmente con sintomi simili a quelli di una semplice influenza :

  • Febbre;
  • Stanchezza;
  • Mal di testa;
  • Dolore muscolare e articolare;
  • Nausea.

Nel 10-20% dei pazienti che sviluppano una sintomatologia, dopo la prima fase ed un periodo asintomatico che dura in media una settimana, si manifesta una seconda fase, caratterizzata da segni di coinvolgimento del Sistema Nervoso Centrale (encefalite, paralisi muscolare flaccida), con gravi problematiche neurologiche a lungo termine e, in alcuni rari casi, anche la morte1.

L'encefalite da zecche può essere prevenuta evitando i morsi di zecche, in particolare si consiglia di:

  • Utilizzare repellenti contro le zecche;
  • Indossare abiti protettivi, con maniche lunghe e pantaloni lunghi infilati nei calzettoni trattati con un insetticida appropriato;
  • Ispezionare il proprio corpo per l’eventuale presenza di zecche dopo aver effettuato attività all’aperto e rimuovere le zecche con una pinzetta;
  • Evitare il consumo di latte o latticini non pastorizzati².
     

 

Referenze

[1] Vaccinarsi, Malattie prevenibili Encefalite da morso di zecca (TBE). disponibile al sito: http://www.vaccinarsi.org/malattie-prevenibili/encefalite-tbe.html [ultimo accesso 15 dicembre 2016]
[2] Ministero della salute, Malattie trasmesse da vettori, Encefalite da zecche. Disponibile al sito: http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?lingua=italiano&id=242&area=Malattie_trasmesse_da_vettori [ultimo accesso 15 dicembre 2016]

 

PP-VAC-ITA-0031 v2.0